Le consonanti doppie – Ortografia – Lezione 24

Le consonanti doppie

Le consonanti doppie

Quello che sorprende della lingua italiana, è che quasi tutte le consonanti si possono raddoppiare quando si trovano all’interno di una parola. All’inizio della parola, invece, non si trovano mai delle consonanti doppie. Normalmente la loro pronuncia è rafforzata e dura più tempo della stessa consonante da sola, proprio per differenziare il loro suono.

Le consonanti doppie L, T e C
Ascolta l’audio

 

Le doppie consonanti il ​​cui suono può essere sostenuto più a lungo, come le consonanti “F, L, M, N, R e S”, si pronunciano mantenendo il suono per più tempo, mentre il suono della vocale che precede la doppia consonante deve essere mantenuto per meno tempo del normale.

Le consonanti doppie F,M,N,R,e S
Ascolta l’audio

 

Le consonanti che non possono essere pronunciate più a lungo, come le lettere “B, C, D, G, P, T e Z”, che hanno un suono occlusivo, possono essere mantenute per più tempo facendo una piccola pausa prima della consonante, trattenendo l’aria con le labbra e lasciandola poi uscire in modo esplosivo.

Le consonanti doppie B,C,D,G,P,T,e Z
Ascolta l’audio

FAI GLI ESERCIZI COLLEGATI A QUESTA LEZIONE
FAI CLIC QUI

Se vuoi imparare la grammatica italiana a un livello più avanzato visita questo sito web

GRAMMATICAITALIANA.NET

Pronuncia delle lettere straniere – Fonetica – Lezione 20

Pronuncia delle lettere straniere

Pronuncia delle lettere straniere

La pronuncia delle lettere straniere quando si trovano all’interno di una parola, non si è vista nella lezione sull’alfabeto italiano. Abbiamo visto quali sono le lettere che appartengono a parole di derivazione straniera o latina e come si pronunciano quando facciamo lo spelling: K, J, W, X e Y. In questa lezione invece vediamo come pronunciare queste lettere quando si trovano all’interno di un parola.

La lettera “K” ha lo stesso suono gutturale della sillaba italiana “CA”.

Pronuncia della lettera k
ascolta l’audio

 

La lettera “J” può avere due suoni in italiano, uno uguale alla vocale “I” e un altro simile al suono palatale della sillaba “GI”.

Pronuncia della lettera j
ascolta l’audio

 

La lettera “X” si pronuncia come le tre consonanti italiane [I, C e S]  pronunciate insieme con un unico suono “ICS”

Pronuncia delle lettere straniere: la lettera x
ascolta l’audio

 

La lettera “Y” può essere pronunciata come vocale “I” o come l’unione delle due vocali “AI”.

Pronuncia delle lettere straniere: la lettera y
ascolta l’audio

 

La lettera “W” può essere pronunciata come la lettera “V” o come la lettera “U”.

Pronuncia delle lettere straniere: la lettera w
ascolta l’audio

 

Se la lettera “W” viene ripetuta, come nei domini dei siti web, viene pronunciata come la lettera “V”.

Pronuncia delle lettere straniere: il dominio www.google.com
ascolta l’audio

FAI GLI ESERCIZI COLLEGATI A QUESTA LEZIONE
FAI CLIC QUI

Se vuoi imparare la grammatica italiana a un livello più avanzato visita questo sito web

GRAMMATICAITALIANA.NET

La pronuncia dell’italiano – Fonetica – Lezione 16

La pronuncia dell'italiano

La pronuncia dell’italiano

La lettera “S” ha due pronunce diverse: la “S” sorda dove le corde vocali non vibrano e la “S” sonora dove vibrano le corde vocali. La sua distinzione è complessa, perché non esiste una regola sicura per distinguerle, tuttavia, come aiuto, si può dire che è sonora quando è tra due vocali, mentre è sorda quando si trova all’inizio di una parola o insieme ad un’altra consonante.

S “sonora”

ROSA – CASO – BASE

S “sorda”

SOLE – PASTA – SCALA
ascolta l’audio

 

Anche la consonante “Z” come con la consonante “S”, possiede due suoni differenti, la “Z sonora” dove vibrano le corde vocali e la “Z sorda” dove le corde vocali non vibrano. Poiché non esiste un modo sicuro per sapere quando deve essere pronunciata in un modo o nell’altro e l’unico modo è ascoltare il loro suono. All’inizio, come aiuto, si potrebbe dire che la “Z” è sonora quando si trova a all’inizio di una parola, la “Z” è sorda quando è all’interno di una parola o è doppia.

Z “sonora”

ZAINO – ZETA – ZUCCHERO

Z “sorda”

AZIONE – ABAZIA – ABBRONZATURA
ascolta l’audio

 

La vocale “U” in italiano si pronuncia sempre, anche quando si trova insieme alla lettera “G” e alla lettera “Q”.

La pronuncia dell'italiano sillabe GUE, GUI, QUE e QUI
ascolta l’audio

 

Le consonanti “S” e “C” insieme davanti alle vocali “A, E e U” hanno un suono gutturale, che proviene dalla gola. Invece, cambiano il loro suono in palatale quando sono davanti alle vocali “E e I”.

La pronuncia dell'italiano sillabe SCA, SCE
ascolta l’audio

 

Uno dei suoni più difficili da pronunciare per uno studente straniero, è il gruppo di lettere “GLI”. L’unica forma di impararlo è ascoltando come si pronuncia, potremmo dire che per produrlo dobbiamo mantenere la lingua in una posizione intermedia fra la pronuncia delle lettere “CI” e “LI”.

La pronuncia dell'italiano sillabe sillaba "GLI"
ascolta l’audio

 

Esiste un suono che nello spagnolo si rappresenta con una sola lettera (Ñ), il quale ha bisogno di due lettere per essere rappresentato in italiano “GN” perché non abbiamo una lettera equivalente nel nostro alfabeto.


ascolta l’audio

 

La lettera “H” non ha nessun suono particolare, infatti, quando si trova all’inizio di una parola, come nel caso del verbo “AVERE”, semplicemente si pronuncia la parola come se non ci fosse la lettera “H”.


ascolta l’audio

 

Quando la lettera “H” si trova all’interno di una parola, la sua funzione, come abbiamo visto in precedenza, è quella di cambiare il suono di una sillaba da palatale a gutturale.

FAI GLI ESERCIZI COLLEGATI A QUESTA LEZIONE
FAI CLIC QUI

Se vuoi imparare la grammatica italiana a un livello più avanzato visita questo sito web

GRAMMATICAITALIANA.NET

La pronuncia dei suoni – Fonetica – Lezione 12

La pronuncia dei suoni

La pronuncia dei suoni

La pronuncia corretta dei suoni italiani, richiede di uno studio un po’ più lungo, per cui è necessario dividere la spiegazione in due lezioni.

La pronuncia delle vocali in italiano è molto semplice, si emette il suono con la bocca aperta e nonostante ci siano alcune vocali che si pronunciano aperte o chiuse, per il momento non ci preoccupiamo di questo e ci limitiamo a pronunciarle tutte uguali come si è visto nella lezione dedicata all’alfabeto.

Le consonanti invece possono avere suoni differenti dipendendo da dove si trovano all’interno della parola e dalla consonante che segue.

La lettera “B” e la lettera “V”, a differenza di alcune lingue dove tendono a confondersi, in italiano hanno un suono molto diverso. La lettera “B” è labiale, cioè si pronuncia con le labbra, mentre la lettera “V” è labiodentale, cioè gli incisivi superiori poggiano sul labbro inferiore, permettendo all’aria di fuoriuscire tra di loro.

La pronuncia dei suoni V e B
ascolta l’audio

 

La lettera “C” quando è seguita dalle vocali “A”, “O” e “U”, ha suono denominato gutturale che proviene dalla gola.

La pronuncia dei suoni CA, CO e CU
ascolta l’audio

 

Quando invece le sillabe “CA”, “CO” e “CU” hanno la vocale “I” al centro, questa quasi sempre non viene pronunciata, la sua funzione è quella di modificare il suono delle sillabe rendendolo palatale, che si ottiene facendo un momentaneo contatto tra il dorso della lingua e un punto del palato.

La pronuncia dei suoni CIA, CIO e CIU
ascolta l’audio

 

La lettera “C”, quando è davanti alle vocali “E” e “I”, ha un suono palatale, che come abbiamo visto si ottiene facendo un momentaneo contatto tra il dorso della lingua e un punto del palato.

La pronuncia dei suoni CE e CI
ascolta l’audio

 

Per ottenere il suono gutturale con questi stessi gruppi di lettere, bisogna aggiungere la lettera “H” al centro.

La pronuncia dei suoni CHE e CHI
ascolta l’audio

 

La lettera “G” segue le stesse regole della consonante “C”. Quando è seguita dalle vocali “A”, “O” e “U” ha un stesso suono gutturale, cioè che proviene dalla gola.

La pronuncia dei suoni GA, GO e GU

ascolta l’audio

 

Quando invece queste sillabe hanno la vocale “I” al centro, la loro pronuncia cambia e il suono diventa palatale, cioè che proviene dalla gola.

La pronuncia dei suoni GIA, GIO e GIU
ascolta l’audio

 

Quando la consonante “G” si trova prima delle vocali “E” e “I”, il suono diventa palatale, che come abbiamo visto si ottiene facendo un momentaneo contatto tra il dorso della lingua e un punto del palato.

La pronuncia dei suoni GE e GI
ascolta l’audio

 

Per ottenere il suono gutturale quando la consonante “G” è seguita da una vocale, bisogna aggiungere la lettera “H” al centro.

La pronuncia dei suoni GHE e GHI
ascolta l’audio

FAI GLI ESERCIZI COLLEGATI A QUESTA LEZIONE
FAI CLIC QUI

Se vuoi imparare la grammatica italiana a un livello più avanzato visita questo sito web

GRAMMATICAITALIANA.NET

Come fare lo spelling in italiano – Fonetica – Lezione 08

Come fare lo spelling in italiano

Come fare lo spelling in italiano

In Italia quando le persone fanno lo spelling di una parola, pronunciano sempre la lettera dell’alfabeto seguita dal nome di una città italiana che comincia con quella stessa lettera per evitare di percepire il suono di una lettera differente.

Per imparare come fare lo spelling in italiano, guarda l’immagine che segue e leggi i nomi delle città che corrispondono alle lettere dell’alfabeto. Poi fai clic sull’audio per sentire la loro pronuncia.

Come fare lo spelling in italiano

 

Con le lettere che appartengono alle parole di derivazione straniera o latina, non essendoci città italiane il cui nome inizia con queste lettere, si usano parole straniere che iniziano con queste lettere.

Guarda l’immagine che segue e leggi i nomi delle città che corrispondono alle lettere dell’alfabeto. Poi fai clic sull’audio per sentire la loro pronuncia.

Alfabeto italiano

FAI GLI ESERCIZI COLLEGATI A QUESTA LEZIONE
FAI CLIC QUI

Se vuoi imparare la grammatica italiana a un livello più avanzato visita questo sito web

GRAMMATICAITALIANA.NET

Claudio Gibellato Pellis

Claudio Gibellato Pellis

Professore di italiano e traduttore giurato del Ministero degli Affari Esteri

Alfabeto italiano – Fonetica – Lezione 04

alfabeto italiano

Alfabeto italiano

L’alfabeto italiano è una delle prime cose da imparare quando si studia questa lingua, perché permette di saper pronunciare correttamente le lettere, identificare il loro suono e ci permette di scrivere correttamente le parole. È composto da 21 lettere (5 vocali e 16 consonanti), più altre cinque lettere che appartengono a parole di derivazione straniera o latina.

La loro pronuncia è semplice, le vocali si pronunciano emettendo un unico suono con la bocca aperta, mentre le consonanti hanno bisogno dell’aiuto di altri suoni e si pronunciano con la bocca chiusa o semichiusa. Leggi nell’immagine seguente la descrizione dei suoni delle lettere e ascolta l’audio che si trova sotto per sentire la loro pronuncia. 

Lettere che compongono l’alfabeto italiano

Alfabeto italiano

 

Lettere che appartengono a parole di derivazione straniera o latina

Leggi nell’immagine seguente come si pronunciano le lettere che appartengono alle parole di derivazione straniera e ascolta l’audio che si trova sotto per sentire la loro pronuncia.

= i lunga

K = cappa

W = doppia vu

X = ics

Y = ipsilon

FAI GLI ESERCIZI COLLEGATI A QUESTA LEZIONE
FAI CLIC QUI

Se vuoi imparare la grammatica italiana a un livello più avanzato visita questo sito web

GRAMMATICAITALIANA.NET

ajax-loader
Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per il suo corretto funzionamento, per finalità analitiche e per mostrarti pubblicità in relazione alle tue preferenze sulla base di un profilo preparato dalle tue abitudini di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetta, acconsenti all\\\\\\\'uso di queste tecnologie e al trattamento dei tuoi dati per queste finalità.   
Privacidad