Uso dell'accento nell'italiano

Uso dell’accento nell’italiano

Quando si leggono le parole in italiano, si pronuncia sempre una sillaba con maggior forza, mentre le altre vengono dette più debolmente:

REGOLA
FAVORE
RIPORTARE
INCOMPETENTE

Questa intonazione più forte si chiama accento tonico, la sillaba o la vocale su cui cade l’accento tonico si chiama tonica mentre le altre, che sono prive di accento, si chiamano atone a seconda della sillaba su cui cade l’accento tonico.

Le parole italiane si denominano tronche quando l’accento cade sull’ultima sillaba di una parola, come:

CIT
UNIVERSI
PERCHÉ

Si denominano piane quando l’accento cade sulla penultima sillaba, come nelle parole:

CANE
DOLORE
POMODORO

Si denominano sdrucciole quando l’accento cade sulla terzultima sillaba, come nelle parole:

SCIVOLO
PROMETTERE
RIPORTANDOLO

Si denominano bisdrucciole quando l’accento cade sulla quartultima sillaba, come nelle parole:

PORTAGLIELO
RISCRIVIGLIELA

Nell’italiano scritto si segna solamente l’accento sulle parole tronche, cioè quando cade sull’ultima sillaba, per le altre parole bisogna consultare il dizionario in caso di dubbio.

L’accento scritto viene denominato grafico ed ha tre forme: grave che va dall’alto verso il basso, acuto che va dal basso verso l’alto e circonflesso che non viene quasi più usato.

L’accento grave si utilizza su tutte le vocali, l’accento acuto si utilizza solamente sulle vocali E ed O.

Si usa l’accento grave sulle vocali E ed O quando hanno un suono aperto come nelle parole:

CIOÈ
CAFFÈ
MANGIÒ

Si usa l’accento acuto sulle vocali E ed O quando hanno un suono chiuso, come nelle parole:

PERCHÉ
VENTITRÉ
FINCHÉ

Quando gli accenti si utilizzano per indicare se il suono è aperto o chiuso, vengono denominati accenti fonici.

Vediamo ora quando bisogna scrivere l’accento grafico sulle parole:

  • Su tutti i bisillabi, Trisillabi e polisillabi quando sono tronchi. Come le parole:

VERITÀ
CITTÀ
UNIVERSITÀ

  • Sui seguenti monosillabi:

PIÙ
PUÒ
CIÒ
GIÀ
GIÙ
PIÈ
CHIÙ
SCIÀ

  • Sui monosillabi che hanno un doppio significato:
CHÈ = perché
= verbo
= giorno
È = verbo
= avverbio
= avverbio
= congiunzione
= pronome
= avverbio
= nome
CHE = pronome e congiunzione
DA = preposizione
DI = preposizione
E = congiunzione
LA = articolo
LI = pronome
NE = pronome e avverbio
SE = congiunzione
SI = pronome
TE = pronome
   

L’accento tonico può cambiare il significato di una parola a seconda della sillaba su cui cade. Vediamo alcuni esempi:

    ÀNCORA = sostantivo    ANCÒRA = avverbio.
BENÈFICI = aggettivo      BENEFÌCI = nome.
 LEGGÉRE = aggettivo      LÈGGERE = verbo.

Si può mettere l’accento anche sulle parole composte. Come per esempio;

TRE – TRENTATRÉ
RE – VICERÉ
BLU – ROSSOBLÚ
SU – QUASSÙ

Tutte le parole italiane hanno un accento tonico ma vi sono alcuni monosillabi che non hanno nessuna accento ma che per poter essere pronunciate devono appoggiarsi sulle parole seguenti e vengono denominate proclittiche. Possono essere degli articoli come nella frase UN PAZZO dove l’articolo UN si appoggia sulle lettere PA della parola seguente.

UN PAZZO

 

Possono essere delle preposizioni come nella frase DI CUI TI PARLAVO dove la preposizione DI si appoggia sulle lettere CUI della parola seguente.

DI CUI TI PARLAVO

Possono essere delle particelle pronominali come nella frase TI SCRIVO UNA LETTERA. Dove il pronome TI si appoggia sulle lettere SCRI della parola seguente.

TI SCRIVO UNA LETTERA

Possono essere delle particelle avverbiali come nella frase CI VADO DOMANI dove la particella CI si appoggia sulle lettere VA della parola seguente.

CI VADO DOMANI

Vi sono inoltre altri monosillabi senza accento tonico che si appoggiano sulle parole precedenti e vengono denominate enclitiche. Sono le stesse particelle pronominali, quando si fondono con il verbo da cui dipendono come nella frase: SCRIVIMI UNA LETTERA dove il pronome MI si appoggia sul verbo anteriore SCRIVI, o come nella frase: ANDIAMOCI DOMANI dove la particellaCI si appoggia sul verbo anteriore ANDIAMO.

SCRIVIMI UNA LETTERA
ANDIAMOCI DOMANI

FAI GLI ESERCIZI COLLEGATI A QUESTA LEZIONE
FAI CLIC QUI

Se vuoi imparare la grammatica italiana a un livello più avanzato visita questo sito web

GRAMMATICAITALIANA.NET

ajax-loader
Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per il suo corretto funzionamento, per finalità analitiche e per mostrarti pubblicità in relazione alle tue preferenze sulla base di un profilo preparato dalle tue abitudini di navigazione. Cliccando sul pulsante Accetta, acconsenti all\\\\\\\'uso di queste tecnologie e al trattamento dei tuoi dati per queste finalità.   
Privacidad